Questa busta blocca lo smartphone a scuola e nei concerti

Questa busta blocca lo smartphone a scuola e nei concerti

Autore: Marco Paretti
Sembra un normalissimo sacchetto per gli occhiali, ma in realtà serve a bloccare lo smartphone e a non farlo utilizzare al proprietario. Anche se cambia idea. È Yondr, il dispositivo creato da Graham Dugoni, 30enne di Portland che ha realizzato un concetto apparentemente semplice: un sacchetto all’interno del quale vanno inseriti gli smartphone all’ingresso di un concerto, oppure quando si entra a scuola o in biblioteca. Una volta chiuso Yondr, il sacchetto non può più essere riaperto se non dall’organizzazione attraverso basi speciali; il sistema sfrutta due blocchi magnetici simili a quelli utilizzati dall’antitaccheggio nei negozi.

Yondr non è però una novità: il sistema è disponibile da diversi anni e molti artisti lo hanno già utilizzato durante i propri concerti. Lo hanno sfruttato Alicia Keys, Donald Glover, i Guns’n Roses e i Lumineers, ma anche i comici Louis CK, Dave Chapelle e Chris Rock durante i loro spettacoli. “Le ho provate tutte. Se urli al pubblico o lo tratti come un bambino, si comporterà come un bambino” aveva spiegato Wesley Schultz, il chitarrista dei Lumineers. “È un po’ macchinoso, ma è meglio che dire alle persone di andarsene o proibire il telefono”. A far tornare a galla il dispositivo è stato però Jack White, l’ex chitarrista dei White Stripes che ha recentemente annunciato di voler proibire l’utilizzo degli smartphone durante il suo prossimo tour. Come? Grazie a Yondr. Il concetto alla base del sacchetto, però, può espandersi anche al di fuori di questi contesti. Come, per esempio, nelle scuole: …
Link alla FONTE